L’Italia è sesta nella Mixed Relay World Series ad Abu Dhabi. Un ottimo risultato per Olmo, Stateff, Steinhauser e Pozzatti

L’Italia è sesta nella Mixed Relay World Series ad Abu Dhabi. Un ottimo risultato per Olmo, Stateff, Steinhauser e Pozzatti

Una bella Italia ha centrato il sesto posto nella 1^ tappa dell’ITU Mixed Relay World Series, corsa il 9 marzo 2019 ad Abu Dhabi.

Sul più alto gradino del podio è salita l’Australia, davanti a Stati Uniti e Nuova Zelanda.

Il cielo di Abu Dhabi, sabato 9 marzo 2019, si è colorato di un azzurro intenso. L’Italia si è classificata sesta nella 1^ tappa dell’ITU Mixed Relay World Series. Una posizione e una prova di ottimo livello, il miglior risultato ottenuto in una competizione del circuito mondiale a staffetta, portata a termine da Angelica Olmo (C.S. Carabinieri), Delian Stateff (G.S. Fiamme Azzurre), Verena Steinhauser (Project Ultraman) e Gianluca Pozzatti (707 Triathlon), tra l’altro dopo aver scontato una penalità. 1:25:00 il loro tempo.

I migliori sono stati gli australiani Ashleigh Gentle, Luke Willian, Emma Jeffcoat e Jacob Birtwhistle, che hanno tagliato il traguardo dopo 1:24:16, davanti agli Stati Uniti (Taylor Spivey, Ben Kanute, Katie Zaferes ed Eli Hemming, 1:24:21) e alla Nuova Zelanda (Ainsley Torpe, Sam Ward, Sophie Corbidge e Hayden Wilde, 1:24:31).

Ciascuno dei quattro atleti di ogni staffetta ha affrontato 0.300K di nuoto, 7.6K di ciclismo e 1.5K di corsa.

La gara ITU Mixed Relay World Series ha chiuso la due giorni di triathlon mondiale ad Abu Dhabi iniziata venerdì 8 marzo con la prima tappa dell’ITU World Triathlon Series 2019.


ITU WORLD TRIATHLON ABU DHABI
LA GARA MASCHILE


LA CRONACA DELLA GARA

È stata la brasiliana Vittoria Lopes a guadagnare per prima T2, con Angelica Olmo, alla fine della frazione natatoria, tra i top 10, in nona posizione. Nel ciclismo è cambiata da subito la leadership, con Taylor Spivey che ha preso il comando in solitaria, inseguita da un gruppo di atlete capitanato dall’azzurra. La statunitense ha effettuato il cambio bici-corsa con una ventina di secondi dalle dirette inseguitrici, poi ridotti a cinque durante la prova di podismo. Al primo passaggio di testimone, la classifica era questa: Stati Uniti, Australia (con Ashleigh Gentle), Germania (con Laura Lindemann) e Italia.

Ben Kanute è uscito per primo dall’acqua e ha proseguito la sua azione solitaria sui pedali. Intanto, dietro, l’italiano Delian Stateff, il tedesco Valentin Wernz e l’australiano Luke Willian hanno aumentato il ritmo per non perdere la scia del fuggitivo e lasciarsi a debito distacco il resto degli inseguitori. L’azzurro ha iniziato a correre in quarta posizione, con Australia e Germania alle spalle dell’americano. Hanno cambiato per prime, al secondo touch, Stati Uniti, Australia, Germania, con Stateff che ha “lanciato” Verena Steinhauser dopo essere scivolato in quinta posizione nella corsa, a 17 secondi dalla testa.

Nella terza frazione, all’Italia è stato comunicato il penalty e davanti le cose sono cambiate: la statunitense Katie Zaferes e l’australiana Emma Jeffcoat hanno guadagnato il comando della gara già dal nuoto, inseguite, a 20 secondi, da sei atlete, tra le quali anche l’azzurra. Zaferes e Jeffcoat, all’inizio dell’ultima frazione, avevano 40 secondi su un gruppetto di cinque elementi: l’azzurra Steinhauser, la francese Leonie Periault, la portoghese Vera Vilaca, la neozelandese Sophie Corbidge e la tedesca Nina Eim.


Il duello finale tra Jacob Birtwhistle ed Eli Hemming, a colpi di secondi, che premierà il primo consegnando all'Australia la vittoria nell'ITU Mixed Relay Series 2019 di Abu Dhabi (Foto ©ITU Media /Janos Schmidt).

Il duello finale tra Jacob Birtwhistle ed Eli Hemming, a colpi di secondi, che premierà il primo consegnando all’Australia la vittoria nell’ITU Mixed Relay Series 2019 di Abu Dhabi (Foto ©ITU Media /Janos Schmidt).


Zaferes ha chiuso in testa lanciando Eli Hemming, davanti ad Australia (17″) e Francia (46″). Steinhauser, autrice di una solidissima terza frazione, ha dato il cambio a Gianluca Pozzatti in quinta posizione, a 50 secondi dagli americani. Nella prima frazione dell’ultima staffettista gli Stati Uniti sono sembrati avere una marcia in più: Jacob Birtwhistle ha mantenuto inalterato il distacco per l’Australia. Per il terzo posto, invece, si sono trovati a combattere il tedesco Jonas Schomburg, il francese Leo Bergere e l’azzurro Pozzatti, a 40” dagli statunitensi.

Birtwhistle, in bici, ha fatto il diavolo rientrando su Hemming. Intanto, dietro, Bergere ha conquistato la terza posizione, mentre il neozelandese Wilde ha superato Italia e Germania. L’Australia si è così involata verso la vittoria, gli Stati Uniti hanno chiuso al secondo posto e la Nuova Zelanda al terzo. La Francia ha centrato la quarta posizione, la Germania la quinta e l’Italia la sesta, malgrado la penalità scontata.


LE CLASSIFICHE
DELL’ITU MIXED RELAY WORLD SERIES ABU DHABI


Triathlon Show Italy 22-24 marzo 2019

Dal 22 al 24 marzo, workshop, allenamenti, spettacolo e 4 appuntamenti imperdibili!
Triathlon Crono, Duathlon Kids, 10K e 5K Run e… il 7° Gala del Triathlon! ISCRIVITI!

Perché... #ioTRIamo!




About The Author

Barbara Cologni

Giornalista, nella sua vita ha sempre mosso un dito (per scrivere), ma mai un passo. Fino al 2013, quando, allenata da Daniel Fontana, ha tagliato il traguardo della sua prima mezza maratona, a Londra. Con il triathlon non è stato amore a prima vista, ma da qualche tempo, sui campi gara, in redazione e agli eventi, più di una persona l’ha sentita pronunciare il fatidico: #ioTRIamo!

Rispondi

Offerte TRISHOP

Archivi

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: