L’emozione corre sul ghiaccio con l’Inferno Snow, la corsa più diabolica d’Italia. A Prato Nevoso vincono Isabello e Mori

L’emozione corre sul ghiaccio con l’Inferno Snow, la corsa più diabolica d’Italia. A Prato Nevoso vincono Isabello e Mori

Sabato 19 gennaio 2019 si è corsa a Prato Nevoso Ski (CN) l’Inferno Show, la prima tappa del circuito Inferno Run. A vincere l’edizione winter della gara a ostacoli più partecipata d’Italia sono stati il ligure Riccardo Mori (Inferno Team) e la piemontese Monica Isabello (Team WRI).

Ghiaccio bollente. E non potrebbe essere diversamente visto la passione, la fatica e la location con le quali 700 atleti hanno partecipato all’Inferno Snow, edizione invernale e prima tappa del circuito Inferno Run 2019 corsa nella località sciistica di Prato Nevoso Ski, in provincia di Cuneo, sabato 19 gennaio.

Provenienti da tutta Italia, dalla Valle d’Aosta alla Sardegna, gli obstacle runner, dopo la partenza in salita dalla conca, a 1.500M slm, hanno dovuto affrontare lungo i 7K di percorso, con 200M di dislivello complessivo, 24 ostacoli naturali e artificiali dai nomi infernali, di ispirazione dantesca: da Malebolge a Lucifero, passando per Conte Ugolino e Antenora, muri di neve e una rampa di ghiaccio da scavalcare, corde da risalire, pesi da trasportare, tratti di percorso in cui strisciare, strutture da superare in sospensione appendendosi a corde e pioli. Un tracciato infernalmente perfetto, la cui sicurezza è stata garantita dal 2° Reggimento Alpini di Cuneo.

Inferno Snow, in questa edizione, ha triplicato le presenze rispetto al 2018 e ha permesso ai migliori atleti competitivi di conquistare le qualifiche agli OCR World Championships, in programma a Londra dall’11 al 13 ottobre, e punti decisivi per il Campionato Regionale della Federazione Italiana OCR.

Sono stati tantissimi anche i partecipanti alla non competitiva, che hanno condiviso questa avvincente esperienza sportiva soprattutto in gruppo. L’OCR è una disciplina emergente a cui si stanno appassionando sempre più sportivi in Italia, oltre 45.000 solo nel 2018, e che rappresenta una sfida con se stessi, in cui mettere in gioco forza, velocità, equilibrio, agilità e resistenza.

I PODI DELL’INFERNO SNOW 2019

Il primo a tagliare il traguardo è stato il ventunenne Riccardo Mori (Inferno Team) con il tempo di 37:27. L’apicoltore di Chiavari (GE) ha preceduto Fulvio Musso (Team FCT Chieri ASD, 38:10) seguito da Rigers Kadija (Inferno Team, 39:54). Tra le donne, è salita sul gradino più alto del podio Monica Isabello (Team WRI, 52:55), quarantaquattrenne di Rubiana (TO), tecnico di laboratorio all’Ospedale Molinette di Torino e mamma di due bambine. Carol Zenga (Inferno Team, 56:57’) ha conquistato il secondo posto, Diana Hartan (Inferno Team – 1:01:53’) il terzo. L’Inferno Team si è aggiudicato la classifica a squadre, seguito da Team Warrior Race Italia e White Donkeys OCR Team.


«Vengo dal mare della Liguria, quindi è stata la corsa il mio principale ostacolo. Nonostante il dislivello complessivo fosse solo di 200 m, le salite si sono rivelate abbastanza toste, anche per le temperature. Competizione davvero divertente e location strepitosa!»
– Riccardo Mori (Inferno Team), vincitore Inferno Snow 2019


Inferno Snow 2019 (foto © Leonardo Calistri)

Inferno Snow 2019 (foto © Leonardo Calistri)


«Sono molto contenta di aver conquistato la prima vittoria di stagione proprio in casa. È stata un’ottima gara, con un tracciato vario, caratterizzato da numerosi saliscendi e con ostacoli tecnici, in particolar modo i due multirig.»
– Monica Isabello (Team WRI), vincitrice Inferno Snow 2019


LE PROSSIME TAPPE: INFERNO CITY E MUD

Dal Piemonte il circuito Inferno Run arriverà in Lombardia, all’Idroscalo di Milano, domenica 5 maggio con Inferno City. Grazie alla partnership con Gruppo CAP, il gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano, l’evento si trasformerà in un’indimenticabile water edition, prima assoluta in Italia. Il tracciato di 8K porterà gli atleti ad attraversare il ritrovato tempio dello sport outdoor e a immergersi nel suo mare, affrontando 25 ostacoli.

Gran finale sabato 5 e domenica 6 ottobre nella sua terra d’origine in Toscana, a Figline Valdarno, in provincia di Firenze, con Inferno Mud. Il Norcenni Girasole Village tornerà a ospitare, tra vigneti, boschi di campagna e colline, la tradizionale edizione fangosa su 12K con oltre 30 ostacoli.

Inferno City e Mud sono tappe del Campionato Italiano OCR, qualificanti ai Campionati Europei e Mondiali, e coinvolgeranno anche i piccoli mudder dai 4 ai 12 anni con Inferno Kids, che sostiene con il proprio ricavato progetti di solidarietà rivolti all’infanzia e ai giovani. A Firenze sarà possibile partecipare domenica 6 ottobre alla Short Course (4K e 20 ostacoli), aperta ai minori dai 13 anni, che potranno conquistare l’accesso ai Mondiali. Proprio in quest’ultima tappa verranno incoronati i migliori obstacle runner della stagione.


Inferno Snow 2019 (foto © Leonardo Calistri)

Inferno Snow 2019 (foto © Leonardo Calistri)


Perché... #ioTRIamo!


SONO ARRIVATE LE NUOVE TRI-SHIRT,

CANOTTE E FELPE TARGATE FCZ STYLE!


ENTRA NELLO SHOP FCZ E SCEGLI IL MODELLO,

IL COLORE E LA SCRITTA CHE PREFERISCI!

TRI-SHIRT




About The Author

Barbara Cologni

Giornalista, nella sua vita ha sempre mosso un dito (per scrivere), ma mai un passo. Fino al 2013, quando, allenata da Daniel Fontana, ha tagliato il traguardo della sua prima mezza maratona, a Londra. Con il triathlon non è stato amore a prima vista, ma da qualche tempo, sui campi gara, in redazione e agli eventi, più di una persona l’ha sentita pronunciare il fatidico: #ioTRIamo!

Rispondi

Offerte TRISHOP

Archivi

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: