Select Page

Record a Trevignano, vincono Capone e Stateff, c’è anche Calcaterra

Si è corso domenica 20 maggio il Triathlon Sprint di Trevignano, gara valida per il circuito Centro Italia (chi vuol partecipare alle finali nazionali deve obbligatoriamente fare punti nell’ambito di questo circuito) e come tappa della Forhans Cup.

La competizione organizzata dal Forhans Team ha fatto registrare il record di presenze (376 iscritti) con atleti provenienti, oltre che dal Lazio, dalla Campania, dalla Puglia, dalle Marche, dalla Romagna e soprattutto da Toscana e Sardegna.

La gara è stata vinta dal giovanissimo Delian Stateff, atleta della Minerva Roma che sta crescendo benissimo e dimostra ogni giorno di più le proprie doti.

Stateff ha preceduto Riccardo De Palma (anche lui giovane romano tesserato per la Minerva Roma) e il toscano Fabio Guidelli.

La gara femminile ha invece visto vincere Alice Capone (atleta del giro della nazionale azzurra) davanti alla Junior Myriam Grassi e a Chiara Ingletto.

Alla gara ha partecipato anche il campione del mondo della 100 km Giorgio Calacaterra, venuto a Trevignano per rifinire il proprio allenamento in vista della Firenze – Abetone, competizione che si svolgerà domenica prossima dove Calcaterra cercherà di bissare la vittoria del titolo italiano ottenuta lo scorso anno.

E’ stata una giornata di sport davvero bellissima – ha commentato a caldo Gianluca Calfapietra, presidente della società organizzatrice Forhans Team –, oltre ai tanti atleti è stato piacevolissimo vedere tantissima gente anche assistere e tifare. Voglio ringraziare il Comune di Trevignano e l’Assessore allo Sport Mario Gazzella – ha chiuso Calfapietra – che tanto hanno creduto in questa iniziativa e, insieme alla Provincia di Roma ed al Consorzio del lago di Bracciano, hanno sostenuto la realizzazione dell’evento.

CLASSIFICA

Fonte: comunicato stampa Forhans Team

About The Author

daddo

Dario 'daddo' Nardone, triatleta, speaker, giornalista e mental coach entusiasta e appassionato, l’endurance scorre nelle sue vene e fa parte della sua vita, sportiva e lavorativa, dal 1995. Pronto con il pettorale, con il microfono o dietro il suo portatile, sui campi gara in Italia e in giro per il mondo. Desiderio, Decisione, Dedizione… Fino in fondo #daddocè! #ioTRIamo

Rispondi

Archivi

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: