Select Page

Javier Gomez e Nicola Spirig oro Europeo, Alessandro Fabian 5°

Il neocampione europeo elite che strappa per la sua nazione il passaporto per i Giochi di Londra, e’ lo spagnolo Javier Gomez che grazie ad una inafferrabile frazione podistica vince il suo terzo titolo europeo.

Con lui sul podio due triatleti russi, Alexander Brukhankov e Ivan Vasiliev, quarto il francese Tony Moulai. Grande prestazione del nostro Alessandro Fabian che conquista, come nel 2011, il 5° posto assoluto.

Alberto Casadei si piazza 30° dopo un buon nuoto ed un ciclismo condotto nel primo gruppo, mentre Andrea Secchiero è costretto al ritiro nella frazione in bici.

Alessandro Fabian: “Il mio obbiettivo era il podio – commenta Alessandro Fabian -. L’ho mancato per poco, mi ritengo comunque soddisfatto per come ho gestito la gara e per i campioni che c’erano. E’ stata una competizione molto difficile e non è stato facile gestirla fin dall’inizio. A nuoto infatti siamo partiti molto forte ed abbiamo guadagnato subito distacco con una ventina di atleti, rafforzato poi dalla frazione di bici, dove il circuito nervoso con molti rilanci non rendeva facile il recupero da parte del gruppo. Terminata la seconda frazione siamo scesi e ci siamo giocati tutto nella corsa. Ho cercato di usare tutte le energie che mi rimanevano per ottenere il massimo. Ora tornerò a casa per continuare a prepararmi in vista delle prossime gare che si svolgeranno a Huatulco in Messico (Coppa del Mondo) e a San Diego in California (Tappa di Campionato del Mondo) il mese prossimo; con l’obbiettivo finale sempre in testa: Olimpiadi“.

CONTINUA QUI

Nella gara femminile, l’elvetica Nicola Spirig si e’ aggiudicata anche lei il terzo titolo europeo elite femminile ed ha strappato la carta di qualificazione olimpica a Londra per la sua nazione. Seconda piazza la spagnola Ainhoa Murua, terza la francese Emmie Charayron, campionessa in carica.

CONTINUA QUI

CLASSIFICHE

About The Author

daddo

Dario 'daddo' Nardone, triatleta, speaker, giornalista e mental coach entusiasta e appassionato, l’endurance scorre nelle sue vene e fa parte della sua vita, sportiva e lavorativa, dal 1995. Pronto con il pettorale, con il microfono o dietro il suo portatile, sui campi gara in Italia e in giro per il mondo. Desiderio, Decisione, Dedizione… Fino in fondo #daddocè! #ioTRIamo

Rispondi

Archivi

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: