Select Page

Betto, Mazzetti, Fabian e Fontana alla Milano Relay Marathon per Fondazione Laureus

Quattro triatleti olimpici domenica 15 aprile correranno in staffetta alla Milano Relay Marathon indossando la maglia di Laureus Sport for Good.

A passarsi il testimone nei 42,197 metri della maratona meneghina saranno i triatleti azzurri Alice Betto, Anna Maria Mazzetti, Alessandro Fabian e il capitano Daniel Fontana.

Nel triathlon, determinazione, impegno e forza di volontà sono i valori dello sport più importanti; gli stessi valori che i quattro atleti hanno condiviso nei giorni scorsi con i ragazzi dei quartieri milanesi di Rozzano e Quinto de Stampi sostenuti da Laureus.

La staffetta lotterà contro il tempo scandito dalla famosa Manifattura di orologi IWC Schaffhausen, che ha deciso di sostenere la Fondazione “scommettendo” proprio sulla staffetta Olimpica: meno tempo la staffetta impiegherà, maggiore sarà la donazione che IWC offrirà a Fondazione Laureus.

Dichiara il Direttore di IWC Italia, Carlo Ceppi: “Amo un pensiero di Confucio sulla corsa: quando corro tutti i pensieri volano via. Superare gli altri è avere la forza, superare se stessi è essere forti“.

Oggi i quattro triatleti, riuniti nella fucina dei grandi campioni olimpici, alla presenza dell’Olimpionico Luca Sacchi, hanno lanciato la sfida alla presenza di giornalisti e fotografi.

Dichiara Luca Sacchi: “La staffetta Laureus alla quale abbiamo aderito come DDS (con Fontana e Betto) unisce una serie di valori da noi sempre condivisi. La solidarietà, prima di tutto, poi lo sport a Milano, città che soffre di pigrizia amministrativa cronica a riguardo, e non in ultimo la promozione del triathlon attraverso progetti come questo, che unisce atleti di diverse società con obiettivi alti, sia che siano la qualificazione olimpica sia che siano la distanza Ironman“.

Sono orgogliosa che questi giovani siano al fianco di Laureus, sono un esempio concreto per gli oltre 1500 ragazzi che sosteniamo ogni anno. Lo sport è un pilastro della nostra vita ed in situazioni di disagio una importante ancora di salvezza. Spero che molti altri Angeli Custodi corrano per e con i ragazzi Laureus iscrivendosi alle staffette su www.laureus.it” dichiara il Direttore di Fondazione Laureus Silvana de Giovanni.

 

FONDAZIONE LAUREUS
Fondazione Laureus Sport for Good Italia Onlus è impegnata dal 2005 a risolvere situazioni di disagio giovanile attraverso attività sportive e percorsi di sostegno educativo e psicologico lavorando nelle periferie cittadine. Possiamo contare su 35 tra educatori, psicologi e allenatori per seguire circa 1500 giovani e ragazzi, dai 6 ai 17 anni segnalati dalle scuole, dai centri di accoglienza e dalle nostre reti di invio. Li troviamo, li convinciamo a praticare uno sport di loro gradimento, li inseriamo in squadre che disputano i tornei cittadini, li assistiamo psicologicamente con educatori dell’Università Cattolica. Li educhiamo a vivere insieme e con gli altri. Obiettivo di Laureus non è quello di creare dei campioni, ma di aiutare i giovani a diventare degli adulti sereni, equilibrati rispettosi delle regole, di se stessi e degli altri. Nelson Mandela dette il suo assoluto appoggio e lo slogan “Sport can change the World” ancora oggi ci guida. Laureus è oggi una realtà che opera in tutti i continenti con oltre 10 Fondazioni in giro per il mondo che ha accompagnato oltre 2.000.000 di bambini sostenuti in 84 progetti ad affrontare situazioni difficili usando lo sport come strumento contro le sfide di tutti i giorni.
www.fondazionelaureus.it

About The Author

daddo

Dario 'daddo' Nardone, triatleta, speaker, giornalista e mental coach entusiasta e appassionato, l’endurance scorre nelle sue vene e fa parte della sua vita, sportiva e lavorativa, dal 1995. Pronto con il pettorale, con il microfono o dietro il suo portatile, sui campi gara in Italia e in giro per il mondo. Desiderio, Decisione, Dedizione… Fino in fondo #daddocè! #ioTRIamo

Rispondi

Archivi

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: